Petto di pollo al forno con prugne e mandorle

petto-di-pollo-con-mandorle-e-prugneCiao a tutti e bentornati da queste parti, ultimamente sono fissata con le ricette dal contrasto dolce salato, quindi oggi vi propongo un secondo velocissimo e leggero, ideale per il rientro dalle vacanze, quando dobbiamo purificarci dagli eccessi alimentari delle ferie.

Per due persone prendete un petto di pollo non troppo grosso e fatelo dividere in due, fate rosolare la carne in una padella antiaderente con pochissimo olio, sfumate con un po’ di vino bianco, quando diventa dorata trasferitela in una pirofila aggiungendo olio e infornate in forno caldo a 180°. Cuocete per 35 minuti circa, in questo modo la carne del pollo rimarrà molto morbida. Nel frattempo fate tostare una manciata abbondante di mandorle in una padella antiaderente senza olio, perchè la frutta secca rilascia il suo olio con il calore, quindi tenetele da parte. Pulite la padella e fate saltare velocemente due prugne a tocchetti lavate in precedenza. Unite pollo, mandorle e prugne, salate leggermente e portate in tavola, buon appetito.

secondi-senza-glutine

secondi-di-carne-bianca-petto-di-pollo-con-mandorle-e-prugne

Warrior vibe, o stracumse nèn? A voi la sentenza

outfit-con-borsa-vuitton

Ciao a tutti e bentornati da queste parti, dopo un outfit delle vacanze (chi l’avesse perso lo trova qui) oggi pubblico un look da rientro in città e qui si apre un grosso dilemma, legato all’incolmabile gap che c’è tra me e le blogger stellari stile Wendy, il titolo del post: la Wendyssima, dato che i sandali che indosso hanno un che di gladiator bassi – infatti sono un filino scomodi, non si potrebbe indossarli per tutta la giornata – avrebbe sicuramente puntato su ‘Warrior vibe: ruffled top and gladiator sandals’, io, da brava piemontese con i piedi, anche se nei sandali, per terra, descriverei questo outfit come ‘stracumse nèn: top jeans e scarpe bigiuatà’, non stanchiamoci, effortless chic, se proprio vogliamo aggiungere un tocco internazionale. Per chi non è piemontese ricordo che bigiuatà, probabilmente da bijoux, indica qualcosa di un po’ vistoso.

Ho indossato quello che vedete nelle foto per un giro dalle parti di casa una sera dopo il lavoro, top bianco e jeans sono capi base perfetti per gli outfit effortless chic: di giorno, per l’ufficio, si aggiunge un blazer bianco e si mettono ballerine, magari rosse, per intenderci quelle viste qui, di sera via il blazer, via le ballerine e sì ai sandali gioiello, zero stress e massima resa, pronte per l’happy hour.

Il top è della collezione Zara autunno 2015, mi è piaciuto per il motivo davanti, che svolazza allegramente al vento e movimenta il capo, i sandali sono di qualche anno fa, li avevo presi da Bambi, storico negozio di scarpe per bambini e ragazzi di Torino. Spero che le mie foto vi piacciano e ditemi: alla fine il post come lo devo intitolare?

Hi everyone, today an effortless chic look, based on white top, jeans and sandals, kisses

I’m wearing

Top: Zara f/w 2015

Jeans: Zara (old)

Bag: Vuitton

Shoes: No brand

Bracelet: Accessorize

fashion-blogger-torino-outfit-estivo-aperitivo-in-città

come-abbinare-borsa-vuitton

outfit-casual-chic-estivo-da-città

come-vestirsi-per-un-aperitivo-in-città

outfit-con-sandali-gioiello-da-città

come-abbinare-sandali-gioiello

outfit-con-borsa-louis-vuitton-top-bianco-zara-jeans-e-sandali-gioiello

how-to-wear-a-louis-vuitton-bag

effortless-chic-outfit-summer-2015

happy-hour-outfit

how-to-dress-for-happy-hour

borsa-palermo-vuitton

top-bianco-zara-collezione-autunno-2015

Un piacevole bistrot nel centro di Torino: Le fanfaron

bistro-le-fanfaron-torinoCiao a tutti e bentornati da queste parti, oggi voglio parlarvi di un ristorante in cui siamo andati a cena la sera prima di partire per le vacanze, abitudine che abbiamo da qualche anno per non sporcare più la casa, già piena di valigie.

Quest’anno la scelta è ricaduta su un bistrot in Via Piave, vicino a casa nostra, Le fanfaron, che già da un po’ ci tentava, d’inverno fanno anche la raclette, che torneremo ad assaggiare, visto che i salumi utilizzati sono senza glutine, come scritto sul sito, di cui vi ho lasciato il link.

In tre abbiamo mangiato bene, ci hanno portato un bel piatto di antipasti misti, ottimi salame e flan, due piatti di ravioli di scamorza e uno stinco da applauso, con una fetta di dolce abbiamo speso una cinquantina di euro. Il personale è cortese e nel dehor si sta tranquilli, anche perchè la via non è trafficata, pur essendo in centro. Vi lascio le foto della serata, sperando che vi piacciano, amici di Torino fatemi sapere se conoscevate questo locale e, se sì, cosa ne pensate. A presto.

recensione-le-fanfaron-torino

image

image

image

image